Antonio Diotallevi

Antonio Diotallevi si è diplomato in fagotto al Conservatorio di Musica “F. Morlacchi” di Perugia (Istituzione di Alta Cultura). Si è perfezionato con il Maestro Mordechai Rechtmann, in fagotto e musica da camera e con il Maestro Gervase De Peyer in Orchestra da Camera. Ha studiato batteria e strumenti a percussione con il Maestro Vincenzo Restuccia e ha frequentato un corso di “Tecniche e Didattica della Direzione Bandistica”, tenuto dal Maestro Nicola Samale. Ha all’attivo numerosi concerti con gruppi cameristici ed orchestrali per associazioni di notevole importanza: “Festival dei Due Mondi”, “Amici della Musica” di Perugia, “Sagra Musicale Umbra”, “Teatro Sperimentale” di Spoleto, “Amici della Musica” di Foligno, Festival di Tubingen.

 

Dal 2010 i suoi studi proseguono nell’ambito della Musica Elettronica e Nuove Tecnologie, con il Maestro Luigi Ceccarelli, presso il Conservatorio “F. Morlacchi” di Perugia, dove ha conseguito la Laurea Triennale di I Livello nel 2015, con l’Installazione “Nelle tue Corde”. Nel 2017, presso lo stesso Conservatorioha conseguito con 110 e lode la Laurea di II Livello (Laurea Specialistica) in Musica Elettronica ad indirizzo Compositivo con il Maestro Angelo Benedetti,  presentando l’installazione “Water Equilibrium”.

 

Ha lavorato in qualità di supporto tecnico alle attività del Conservatorio “F. Morlacchi” di Perugia dal 2011 al 2016, partecipando anche al Festival dei Due Mondi di Spoleto (dal 2012 al 2016) come Fonico e Cameramen. Partecipa alle varie edizioni della rassegna internazionale “Segnali Arti Audiovisive e Performance” nel 2012, in qualità di supporto tecnico all’installazione multimediale “Coro 17 voci più un silenzio”, nel 2013 come artista con la colonna sonora del film “Anémic Cinemà” di Marcel Duchamp (1921), nel 2013 e nel 2014 con il gruppo “ Electroacustic Collective Ensemble” (ECE). Con quest’ultimo ha, inoltre, effettuato concerti presso l’Anfiteatro Fuseum di Perugia, Festival dei Due Mondi di Spoleto, Auditorium San Domenico di Foligno (Rassegna Sguardi Sonori) e a Lipari (Rassegna Eolie in Classico – VIII Edizione).

 

Dal 2015 si dedica con particolare attenzione alla Sound Art con le seguenti installazioni sonore:
“Nelle tue Corde”, nata dal connubio tra musica programmata e musica casuale, in cui protagonista diventa il pubblico, che, muovendosi all’interno della stessa, aziona il meccanismo sensore – motorino in forma del tutto casuale, mettendo in vibrazione le corde. Con essa partecipa, nel 2015, alla rassegna “Segnali Arti Audiovisive e Performance” presso il Conservatorio di Perugia e alla rassegna “Le Forme del Suono” presso il Conservatorio “O. Respighi” di Latina e, nel 2016, per il progetto “Opera Prima” viene esposta presso la Pinacoteca Civica di Spello.

 

Dal 2016, con il gruppo “Ensemble A23” ha creato con lastre d’acciaio ed eccitatori acustici l’installazione dal titolo “Anopticonpanopticon”, esposta in occasione della Rassegna Internazionale “Segnali 2016” e per il progetto Opera Prima, presso il Museo Città di Cannara e l’installazione “Anopticonpanopticon#2” in occasione dell’edizione “Art, Monstersend & Jazz” 2016 a Perugia, presso la Rocca Paolina.

Nel 2017 l’installazione “Nelle tue Corde” è stata selezionata al Festival Internazionale “Contemporanea Acusmatica”, partecipando, nel mese di ottobre, al call for works di Udine.